2007-11: OMAEC

 

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

Ricorrete a Dio con fiducia, non temete i sacrifici e vedrete che il Signore vi aiuterà 168, 3.

…fatevi coraggio appoggiandovi a Dio. Da noi non possiamo far nulla di buono, ma con Dio possiamo far tutto. Dunque ripeto, coraggio e gran coraggio; molta preghiera e unione con Dio e non temete che farete tutto bene. 409, 3-4

…amatevi tutte scambievolmente di vero cuore, sappiatevi sopportare e compatire vicendevolmente, siate umili con tutti, e semplici e docili… 744, 5

 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 
 
 
L'OMAEC compie 40 anni
 
Celebrare il Passato
per Costruire il Futuro

 
 
 

Giornate intense e cariche di speranza, quelle celebrative dei 40 anni dell’Omaec (Organisation Mondiale des Anciens et Anciennes Elèves de l’Enseignement Catholique).

L’Assemblea ordinaria, ospitata ogni volta in una sede diversa per quel respiro di mondialità che la anima, si è celebrata quest’anno a Roma, nel luogo delle origini, dall’1 al 4 novembre 2007: un’Assemblea straordinaria per un traguardo felicemente raggiunto in 40 anni di attività.

I partecipanti provenivano da tutti i continenti dove gli ex-alunni delle Scuole Cattoliche operano in fedeltà alla formazione ricevuta, e si fanno promotori di intramontabili valori universali sottesi ai principi evangelici di pace, giustizia, amore…

La Presidente - per la prima volta una donna - è una nostra ex-alunna di Sant’Onofrio: Rossella Mazzeo Laganà, molto affezionata alle “sue Suore”, come non si stancava di ripetere, alle persone autorevoli intervenute alle giornate del convegno.

C’era un sogno, ma… nonostante i ripetuti tentativi, non è stata concessa l’udienza con Benedetto XVI.

L’incontro con il Segretario di Stato Cardinal Tarcisio Bertone – che non voleva essere sostitutivo di un’udienza mancata – è stato denso di significato: le sue parole dalla forte valenza ecclesiale erano in sintonia con la tematica del convegno e la sua esperienza di ex-alunno salesiano.

I lavori si sono conclusi con il canto solenne del Te Deum, presieduto dal cardinal Bertone nella Cappella della Casa Generalizia dei Fratelli delle Scuole Cristiane, dove si sono vissute le intense giornate.

“Celebrare il passato per costruire il futuro” è il prezioso “filo rosso”: elemento unificatore, delle giornate celebrative e di tutto il cammino compiuto che guarda coraggiosamente verso l’orizzonte per tentare nuovi passi e nuovi coinvolgimenti…

E noi Dorotee?

Eravamo un po’ assenti, un po’… “latitanti”…

Qualche presenza romana, qualche ritorno maltese, ma, per il resto del mondo in cui siamo presenti, nessuna risposta!

Forse è mancata una comunicazione utile, ma, ancor più, è necessario risvegliare quei carboni che ancora ardono sotto le ceneri di un passato trascorso, ma non lontano, o di un altro, più recente! Perché l’Omaec ha bisogno di forze giovani, e ha bisogno anche del frassino doroteo che, attraverso i suoi frutti, può donare ancora un apporto molto vivo di collaborazione per la ricostruzione dell’umanità!

E tutti sappiamo che il tessuto sociale, ormai logoro, ha bisogno non solo di “rammendi”, ma di sostituzioni, perché i fili di certi valori sono consunti al punto di dover essere rigenerati.

L’OMAEC è una forza straordinaria! Là dove operiamo con una forte passione per il Regno, secondo il cuore di Paola, possiamo risvegliare le nostre associazioni alimentandole di forze giovani, perché, a livello mondiale, troviamo ovunque ex-alunni di scuole cattoliche, anche in settori amministrativi e di governo.

Chissà! Potrebbe essere una risposta nuova ai travagli nuovi che corrono il tempo, l’umanità, la storia… 

powered by DOMUSMEDIA ę | All rights reserved